Comune di Castel di Tora, © 2019 Sito web Realizzato da APKAPPA s.r.l. - Tutti i diritti riservati.

AVVISO ai CITTADINI

 

In relazione all’emergenza derivante dalla diffusione del Corona virus,

in ottemperanza alle direttive ministeriali emanate con DPCM del 9 marzo 2020

che all’art.1 prevede di evitare ogni spostamento delle persone fisiche

in entrata, in uscita e all’interno del territorio nazionale,

con il presente avviso si pubblica l’elenco con i relativi numeri telefonici delle attività commerciali locali

che forniscono prodotti di prima necessità e che sono disponibili ad effettuare, in caso di necessità, consegne a domicilio

 

Alimentari

La Bottega di Palu Bodgan-Eduard

0765. 716314 328.3861546

 


Farmacia Dott. Caramagno

0765 716332

 

Forno Orsini

3478575426

 

Nel presente elenco  sono indicati tutti gli esercizi operanti nel territorio di Castel di Tora

che ringraziamo per la sensibilità dimostrata in questo delicato momento.


 

ORDINANZA n. 3 del 11/03/2020

 

DPCM del 09.03.2020. Ordinanza di emergenza di carattere sanitario e di protezione civile COVID.19.

Misure per contrastare  e contenere la  diffusione  del  virus - Ordinanza contingibile e urgente

 

IL SINDACO

 

VISTA l'ordinanza del Ministro della Salute 25 gennaio 2020, recante "Misure profilattiche contro il nuovo Coronavirus (2019 - nCoV)" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 21 del 27 gennaio 2020;

VISTA l'ordinanza del Ministro della Salute 30 gennaio 2020, recante "Misure profilattiche contro il nuovo Coronavirus (2019 - nCoV)" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 26 del 1febbraio 2020;

VISTA l'ordinanza del Ministro della Salute 21 febbraio 2020, recante "Ulteriori misure profilattiche contro la diffusione della malattia infettiva COVID-19"  pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 44 del 22 febbraio 2020;

VISTO il decreto - legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante "Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19";

VISTO il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 23 febbraio 2020, recante "Disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19", pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 45 del 23 febbraio 2020;

VISTO il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 25 febbraio 2020, recante "Ulteriori disposizioni attuative del decreto - legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica dà COVID-19", pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 47 del 25 febbraio 2020;

VISTO il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 1° marzo 2020, recante "Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica e da COVID - 19", pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 52 del 1/03/2020;

CONSIDERATO che l'Organizzazione mondiale della sanità il 30 gennaio 2020 ha dichiarato l'epidemia da COVID-19 un'emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale;

VISTA la delibera del Consiglio dei Ministri del 31 gennaio 2020, con la quale è stato dichiarato, per sei mesi lo stato di emergenza sul territorio nazionale relativo al rischio sanitario connesso all'insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili;

VISTA l'Ordinanza del Presidente della Regione Lazio del 26/02/2020, n. Z00002 recante "Misure per la prevenzione e gestione  dell'emergenza epidemiologica da COVID-19. Ordinanza ai sensi dell'art. 32, comma 3, della legge 23 dicembre 1g78, n. 833 in materia di igiene e sanità pubblica";

VISTO il Decreto del Presidente del Consiglio  dei Ministri del 4 marzo 2020, recante misure riguardanti  il contrasto e il contenimento sull'intero territorio nazionale del diffondersi del Coronavirus;

VISTO il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 08.03.2020, con cui sono state stabilite ulteriori misure per il contrasto ed il contenimento sull' intero territorio nazionale del diffondersi del virus COVID-19;

VISTA l’Ordinanza del Presidente della Regione Lazio, n. Z00004 del 08.03.2020 che detta ulteriori misure per la prevenzione e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19;

VISTO il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 09.03.2020, recante nuove misure per il contenimento e il contrasto del diffondersi del virus Covid-19 sull'intero territorio nazionale, che ha esteso a tutto il territorio nazionale le misure di cui all'articolo 1 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri dell'8 marzo 2020;

VISTA la precedente ordinanza sindacale n. 2 dello 09.03.2020 con cui sono state dettate disposizioni nel rispetto del DPCM del 04.03.2020;

VISTO l'art. 50, co. 5, del D.lgs. 267/2000 che recita espressamente: "In particolare in caso di esigenze sanitarie o di igiene pubblica a carattere esclusivamente locale le ordinanze contingibili e urgenti sono adottate dal Sindaco quale rappresentante della Comunità locale ...;

CONSIDERATO che i Sindaci, al fine di tutelare la salute pubblica, ai sensi della predetta normativa, seguendo le disposizioni specifiche di ogni Regione, possono provvedere  ad adempiere  quanto  prescritto con specifica ordinanza;

RITENUTO di dover adottare  alcune  misure di  natura  precauzionale  tese  a  prevenire  una  possibile potenziale trasmissione del virus;

CONSIDERATO che occorre limitare, in questo periodo, le attività dei centri di aggregazione sociale al fine di contrastare e prevenire l'emergenza epidemiologica da COVID-2019;

VISTO l'art. 7 della legge n. 241/90, ai sensi della quale, per i provvedimenti caratterizzati da ragioni di celerità del procedimento (consistenti caso di specie, nell'urgenza di dare immediata tutela all'interesse della sicurezza ed incolumità pubblica) non è comunicato l'avvio del procedimento;

CONSIDERATO che in caso di emergenze sanitarie e di igiene pubblica, ai sensi dell'art. 32 della legge n. 833/1978 e dell'art. 117 del D.lgs. n. 112/1998, le ordinanze contingibili e urgenti sono adottate dal Sindaco, quale rappresentante della comunità locale nell'ambito del territorio comunale;

VISTO altresì il disposto dell'art. 50 del D.lgs. 18 agosto 2000, n. 267 e s.m.i. (T.U.E.L.),

 

ORDINA

 

Ai sensi dell'art. 32, comma 3, della legge 23 dicembre 1978, n. 833 in materia di igiene e sanità pubblica, le seguenti misure:

 

  1. Di evitare ogni spostamento delle persone fisiche in entrata e in uscita dal territorio comunale, nonché all'interno del territorio comunale, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di  necessità ovvero spostamenti per motivi di salute. E' consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza;
  2. Ai soggetti con sintomatologia da  infezione  respiratoria  e febbre (maggiore di 37,5° C) e' fortemente raccomandato  di  rimanere presso il proprio domicilio e limitare al massimo i contatti sociali, contattando il proprio medico curante (Art. 1, comma b), DPCM 08.03.2020);
  3. Di divieto assoluto di mobilità dalla propria  abitazione  o dimora per i soggetti sottoposti alla misura della quarantena  ovvero risultati positivi al virus (Art. 1, comma c), DPCM 08.03.2020);
  4. La sospensione di tutti gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati. Gli impianti sportivi sono utilizzabili, a porte chiuse, soltanto per le sedute di allenamento degli atleti, professionisti e non professionisti, riconosciuti di interesse nazionale dal Comitato olimpico nazionale italiano (CONI) e dalle rispettive federazioni, in vista della loro partecipazione ai giochi olimpici o a manifestazioni nazionali ed internazionali; resta consentito esclusivamente lo svolgimento degli eventi e delle competizioni sportive organizzati da organismi sportivi internazionali, all'interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse, ovvero all'aperto senza la presenza di pubblico; in tutti tali casi, le associazioni e le società sportive, a mezzo del proprio personale medico, sono tenute ad effettuare i controlli idonei a contenere il rischio di diffusione del virus COVID-19 tra gli atleti, i tecnici, i dirigenti e tutti gli accompagnatori che vi partecipano; lo sport e le attività motorie svolti all'aperto sono ammessi esclusivamente a condizione che sia possibile consentire il rispetto della distanza interpersonale di un metro (art. 1, comma 1, lett. d) e art. 1, comma 3 del DPCM 09.03.2020);
  5. Ai datori di  lavoro  pubblici  e  privati  di promuovere, durante il periodo di efficacia del presente decreto, la fruizione da parte dei lavoratori dipendenti dei periodi  di  congedo ordinario e di ferie, fermo restando quanto previsto dall'articolo 2, comma 1, lettera r) (art. 1, comma 1, lett. e) del DPCM 08.03.2020);
  6. La sospensione di tutte le manifestazioni organizzate, nonché gli eventi in luogo pubblico o privato, ivi compresi quelli di  carattere culturale, ludico, sportivo, religioso e fieristico, anche se  svolti in luoghi chiusi ma aperti al pubblico, quali,  a  titolo  d'esempio, grandi eventi, cinema, teatri, pub, scuole  di  ballo,  sale  giochi, sale scommesse e sale bingo,  discoteche  e  locali  assimilati;  nei predetti luoghi e' sospesa ogni attività (art. 1, comma 1 lett. g. - DPCM 08.03.2020);
  7. La sospensione delle attività nella Sala Polifunzionale sita in Largo Massimi;
  8. La sospensione dei servizi di apertura al pubblico della Biblioteca, del punto di accesso ad Internet  presso la sede comunale, la sospensione delle visite guidate al Borgo di Antuni  e degli altri istituti e luoghi della cultura di cui all’articolo 101 del codice dei beni culturali e del paesaggio, di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, nonché dell’efficacia delle disposizioni regolamentari sull’accesso libero o gratuito a tali istituti e luoghi;
  9. La sospensione delle attività  di  palestre,  centri  sportivi, piscine, centri natatori, centri  benessere,  centri  termali  (fatta eccezione per l'erogazione delle prestazioni rientranti  nei  livelli essenziali di assistenza), centri culturali, centri  sociali,  centri ricreativi (art. 1, comma 1, lett. s) DPCM 08.03.2020);
  10. Sull'intero territorio nazionale è vietata ogni forma di assembramento di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico (art. 1, comma 2, DPCM 09.03.2020);
  11. La sospensione delle attività delle Piscine, dei Centri Benessere e delle Palestre sia pubbliche che private (Ordinanza del Presidente della Regione Lazio, n. Z00004 del 08.03.2020);
  12. È consentito lo svolgimento delle attività di ristorazione e bar dalle 06.00 alle 18.00, con obbligo, a carico del gestore, di far rispettare la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro, con sanzione della sospensione dell'attività in caso di violazione (art. 1, comma n) del DPCM 08.03.2020);
  13. Agli esercizi commerciali diversi da quelli della lettera precedente, all'aperto e al chiuso, che il gestore garantisca l'adozione di misure organizzative tali da consentire un accesso ai predetti luoghi con modalità contingentate o comunque idonee ad evitare assembramenti di persone, nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro tra i visitatori (art. 1, comma lett. o)  - DPCM 08.03.2020);
  14. La mancata attuazione delle direttive è punito con la sanzione della sospensione dell' attività in caso di violazione (art. 1, comma lett. o). - DPCM 08.03.2020);
  15. Gli uffici del Comune saranno aperti al pubblico tutti i giorni dalle ore 10,00 alle ore 11,00 solo per comprovate necessità;
  16. Qualora si abbia necessità di informazioni specifiche può essere utilizzata la posta elettronica, direttamente con il personale interessato. I recapiti del personale sono disponibili sul sito www.comune.castelditora.ri.it;
  17. L'accesso agli sportelli al pubblico sarà contingentato nel rispetto dell'allegato 1 del DPCM 08.03.2020 e del 09.03.2020;
  18. Il personale resterà al lavoro per le attività interne, salva diversa disposizione dirigenziale per favorire la fruizione di periodi di ferie o congedo ordinario (art. 2, comma 1 lett. s. - DPCM 08.03.2020). Si favorirà lo smartworking attraverso l'utilizzo del telelavoro;
  19. Sono garantiti i servizi essenziali dell'Ufficio Anagrafe (certificati di nascita e di morte);
  20. Di dare la massima diffusione, sul sito istituzionale dell'Ente, anche alle ulteriori limitazioni e prescrizioni contenute nel DPCM 08.03.2020 e del DPCM del 09.03.2020 e nell'Ordinanza del Presidente della Regione Lazio, n. Z00004 del 08.03.2020;

 

Il presente provvedimento, valido fino allo 03.04.2020, sarà pubblicato nei modi e nei termini di legge nel rispetto dell'art. 5, co. 1, del DPCM 08.03.2020 e del DPCM 09.03.2020, con salvezza delle disposizioni non incompatibili delle precedenti ordinanze sindacali adottate in materia.

DISPONE

La pubblicazione della presente ordinanza all'Albo Pretorio.

STABILISCE

La trasmissione della presente ordinanza:

  • Prefettura di Rieti;
  • Alla Stazione Carabinieri di Ascrea
  • Al Carabinieri-forestale di Poggio Moiano

Contro la presente ordinanza è ammesso ricorso al Tar del Lazio nel termine di 60 gg dalla notificazione (legge 6 dicembre 1971, n. 1034) o in via alternativa ricorso straordinario al Presidente della Repubblica nel termine di 120 gg dalla notificazione (D.P.R. 24 novembre 1971, n. 1199)

Si dia massima diffusione della stessa.

Dalla Residenza Municipale, lì 11.03.2020

 

IL SINDACO

D’Alessandro Cesarina

L'ordinanza è scaricabile all'albo pretorio

 

 

 

 

 

 

 

AVVISO PUBBLICO

Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica

da COVID-19

 

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 marzo 2020

ORDINANZA DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE LAZIO 8 marzo 2020

 


IL PRESIDENTE DELLA REGIONE LAZIO

ORDINA

ai sensi dell’art. 32, comma 3, della legge 23 dicembre 1978, n. 833 in materia di igiene e sanità pubblica, le seguenti misure:

1. Tutte le persone che nei quattordici giorni antecedenti alla data di pubblicazione del DPCM 8 marzo 2020 hanno fatto ingresso, stanno facendo o faranno ingresso nella Regione Lazio provenienti dalla Regione Lombardia e dalle province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio nell’Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e Venezia, hanno l’obbligo: i) di comunicare tale circostanza al numero unico regionale dedicato 800 118 800, servizio che si coordina con il Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria territorialmente competente, in raccordo con il medico di medicina generale (“MMG”) ovvero col pediatra di libera scelta (“PLS”) secondo le disposizioni di cui all’ordinanza 2/2020; ii) di osservare la permanenza domiciliare, il divieto di spostamenti e viaggi e di rimanere raggiungibile per ogni eventuale attività di sorveglianza fino alla valutazione a cura del Dipartimento di Prevenzione; iii) le disposizioni di cui ai precedenti punti i) e ii) non si applicano nel caso in cui le persone provenienti dalle zone geografiche sopra individuate siano operatori del SSR laziale, tenuti ad osservare le prescrizioni di cui all’ordinanza del Presidente della Regione 3/2020; iv) in caso di comparsa di sintomi, la persona deve osservare le disposizioni dell’ordinanza 2/2020, qui riportate per comodità di lettura: a. avvertire immediatamente il MMG/PLS e l’operatore di Sanità Pubblica che attiva presso il domicilio la procedura di esecuzione del test; b. indossare la mascherina chirurgica (da fornire all’avvio del protocollo) e allontanarsi dagli altri conviventi; c. rimanere nella sua stanza con la porta chiusa garantendo un’adeguata ventilazione naturale, in attesa dell’eventuale trasferimento in ospedale.

2. Ai concessionari di servizi di trasporto aereo, ferroviario e autostradale è fatto obbligo di acquisire e mettere a disposizione delle Forze dell’Ordine e dell’Unità di Crisi regionale istituita con decreto del Presidente della Giunta Regionale n.55/2020, dei Comuni e delle AASSLL, i nominativi dei viaggiatori, relativamente alle tratte provenienti da Milano o dalle Province indicate al punto 1 con destinazione aeroporti e le stazioni ferroviarie, anche dell’Alta velocità del territorio regionale.

3. E’ disposta con decorrenza immediata e fino a nuove disposizioni, in aggiunta alle misure di cui al DPCM 8 marzo 2020, la sospensione sul territorio regionale delle seguenti attività: -piscine, palestre, centri benessere.

4. Salvo che il fatto costituisca più grave reato, il mancato rispetto degli obblighi di cui al presente provvedimento é punito ai sensi dell’art.650 del codice penale.

5. Resta salvo quanto previsto dall’ordinanza 2 del 26 febbraio 2020 e dall’ordinanza 3 del 6 marzo 2020.

La presente ordinanza è pubblicata sul sito istituzionale della Regione. La pubblicazione ha valore di notifica individuale, a tutti gli effetti di legge.

La presente ordinanza ha validità fino a nuovo provvedimento. La presente ordinanza, per gli adempimenti di legge, viene trasmessa al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministro della Salute e ai Prefetti che provvedono alla trasmissione ai Sindaci dei Comuni del Lazio. Avverso la presente ordinanza è ammesso ricorso giurisdizionale innanzi al Tribunale Amministrativo Regionale nel termine di sessanta giorni dalla comunicazione, ovvero ricorso straordinario al Capo dello Stato entro il termine di giorni centoventi. La presente ordinanza sarà pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione e sul sito istituzionale della Giunta della Regione

 

 


EFFETTUARE COMUNICAZIONI TELEFONICHE AL Dipartimento di Prevenzione dell'Azienda Sanitaria Competente:
- al numero verde nazionale 1500
- al numero verde regionale 800118800
- al numero 112
ai fini dell'adozione da parte dell'autorità sanitaria competente di ogni misura necessaria, ivi compresa la permanenza domiciliare con sorveglianza attiva

 


SI INVITA INOLTRE AD OSSERVARE LE MISURE PREVENTIVE CONSISTENTI IN:

  1. Lavarsi spesso le mani: a tal proposito si raccomanda di mettere a disposizione in tutti i locali pubblici, palestre, supermercati, farmacie e altri luoghi di aggregazione soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani;
  2. Evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute;
  3. Non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani;
  4. Coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce;
  5. Non prendere farmaci antivirali né antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico;
  6. Pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcool;
  7. Usare la mascherina solo se si sospetta di essere malato o si assistono persone malate;
  8. Considerare che i prodotti Made in China e i pacchi ricevuti dalla Cina non sono pericolosi;
  9. Considerare che gli animali da compagnia non diffondono il Coronavirus COVID 19;10.Evitare tutti i contatti ravvicinati;
  10. Ricordare che i cittadini che presentino evidenti condizioni sintomatiche ascrivibili a patologie respiratorie, fra cui rientra il Coronavirus CODIV 19,   possono contattare il numero 1500, il proprio medico di base e le ASL di  riferimento ovvero, solo in caso di reale urgenza, il numero 112 e che si  devono evitare accessi impropri al pronto soccorso.

 

Dettaglio Opuscoli Nuovo Coronavirus

 

AVVISO PUBBLICO

Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica

da COVID-19

 

Ai sensi del DPCM emanato il 23 febbraio 2020 che introduce misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-2019, si comunica alla cittadinanza, che Tutti coloro i quali siano transitati o abbiano sostato a partire dal 1° febbraio 2020 nelle zone "rosse" delle Regioni Lombardia e Veneto, precisamente nei Comuni di:
- Bertonico
- Casalpusterlengo
- Castelgerundo
- Castiglione d'Adda
- Codogno
- Fombio
- Maleo
- San Fiorano
- Somaglia
- Terranova dei Passerini
- Vo'

SONO OBBLIGATI A COMUNICARE TELEFONICAMENTE
tale circostanza al Dipartimento di Prevenzione dell'Azienda Sanitaria Competente:
- al numero verde nazionale 1500
- al numero verde regionale 800118800
- al numero 112
ai fini dell'adozione da parte dell'autorità sanitaria competente di ogni misura necessaria, ivi compresa la permanenza domiciliare con sorveglianza attiva

SI CONSIGLIA

Inoltre, alle persone che dal 1° Febbraio siano transitate ed hanno sostato nelle seguenti Regioni: Lombardia, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Emilia-Romagna di comunicarlo telefonicamente al proprio medico di base.

 



INVITA INOLTRE AD OSSERVARE LE MISURE PREVENTIVE CONSISTENTI IN:

  1. Lavarsi spesso le mani: a tal proposito si raccomanda di mettere a disposizione in tutti i locali pubblici, palestre, supermercati, farmacie e altri luoghi di aggregazione soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani;
  2. Evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute;
  3. Non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani;
  4. Coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce;
  5. Non prendere farmaci antivirali né antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico;
  6. Pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcool;
  7. Usare la mascherina solo se si sospetta di essere malato o si assistono persone malate;
  8. Considerare che i prodotti Made in China e i pacchi ricevuti dalla Cina non sono pericolosi;
  9. Considerare che gli animali da compagnia non diffondono il Coronavirus COVID 19;10.Evitare tutti i contatti ravvicinati;
  10. Ricordare che i cittadini che presentino evidenti condizioni sintomatiche ascrivibili a patologie respiratorie, fra cui rientra il Coronavirus CODIV 19,   possono contattare il numero 1500, il proprio medico di base e le ASL di  riferimento ovvero, solo in caso di reale urgenza, il numero 112 e che si  devono evitare accessi impropri al pronto soccorso.

 

 

Dettaglio Opuscoli Nuovo Coronavirus

 
Slow Tour Festival PDF Stampa E-mail
Scritto da Comune di Castel di Tora   
Martedì 08 Ottobre 2019

COMUNICATO STAMPA

Castel di Tora Slow Tour Festival

Valle del Turano

11/12/13 Ottobre 2019

 

Da Venerdì 11 a Domenica 13 ottobre Castel di Tora, in provincia di Rieti, proporrà la prima edizione dello “Slow Tour Festival”. Un progetto realizzato con il contributo della Regione Lazio – attraverso il bando “Lazio delle Meraviglie-Estate 2019”.

Per tre giorni il borgo medievale accoglierà i visitatori con un ricco programma artistico, naturalistico e gastronomico, proseguendo l'opera di sviluppo socio-economico del territorio  che da anni vede l'amministrazione comunale puntare fortemente sull'inestimabile patrimonio paesaggistico che lo circonda, sui prodotti tipici locali, sulla cultura e valorizzazione delle tradizioni e sulle caratteristiche storico architettonico del borgo, riconosciuto e certificato tra i “Borghi più belli d'Italia”.

Proprio nell'anno dedicato al turismo lento si è voluto dare il via ad una manifestazione in grado accogliere il visitatore valorizzando la vocazione naturalistica, storica e artistica di una valle accolta all'interno della Riserva Naturale dei Monti Navegna e Cervia e affacciata sul Lago del Turano, meta di set cinematografici e spot televisivi per la sua ineguagliabile bellezza.

Si comincia Venerdì 11 ottobre alle ore 10,00 presso la Sala Polifunzionale in Largo Massimi con la presentazione della mostra fotografica “Borgo in Fiore”, dedicata alle migliori composizioni floreali che hanno abbellito e colorato l'estate della Valle del Turano, organizzata dall'Associazione culturale “Il Cervia” ed allestita dal maestro d'arte Wichard Von Frier.

A seguire verrà presentato il contest fotografico “#obiettivonatura” che, attraverso la piattaforma Instagram, raccoglierà i migliori scatti realizzati sul territorio. La foto vincitrice farà da copertina al calendario 2020 della Riserva Naturale Navegna e Cervia, che da anni promuove il territorio raccontandone le peculiarità scandite dal trascorrere delle stagioni.

Sabato 12 ottobre alle ore 10,00, sempre presso la Sala Polifuzionale, si svolgerà l'incontro “Camminare Responsabile”, a cura dell'Associazione Italiana Guide Ambientali Escursionistiche (AIGAE), “Four Season”, “Federtrek” e “Camminando Con”. Un vademecum dei comportamenti corretti da tenere durante un'escursione, nel rispetto della natura, della biodiversità e dei compagni di escursione. Imparare a camminare nel rispetto degli altri e dell'ambiente che ci circonda è il primo passo per godere appieno di un'esperienza completa, salutare ed emozionante. A seguire Luigi Russo, Direttore della Riserva Monti Navegna e Cervia, presenterà il libro “Una Guida per le Guide”. La Guida Ambientale Escursionistica in un’area protetta deve saper gestire due mondi complessi che vengono a contatto ed è da questo incontro che è fondamentale nasca una forte collaborazione, anzi una vera sinergia, che rafforzi l’immagine dei parchi e valorizzi il lavoro e la missione delle guide ambientali escursionistiche, accompagnatori, insegnanti e narratori della Natura.

Al termine dell'incontro partiranno due escursioni guidate, una in direzione Borgo Antuni, ed una verso Cornito.  Quello di Antuni è uno straordinario borgo medievale risalente all’XI secolo, abbandonato alla fine della seconda guerra mondiale ed oggi parzialmente ristrutturato. Con la visita guidata, offerta da “Camminando Con” sarà possibile scoprirne la storia, ammirare il palazzo, il labirinto sensoriale, i giardini e l'eremo, per godere di un panorama magnifico su tutta la valle del Turano. Il percorso di 1 km, con lieve dislivello percorribile con scarpe adatte, avrà la durata di circa 2 ore e mezzo.

L'escursione verso Cornito, sempre guidata dall'Associazione “Camminando Con”, accompagnerà invece i visitatori in una piacevole passeggiata lungo il fiume ed il lago Turano, partendo dalle pendici di Paganico Sabino fino ad arrivare alla penisola di Cornito, in un percorso all'insegna delle tipicità floro-faunistica e della biodiversità. Saranno necessarie scarpe chiuse e adatte, per una durata complessiva di circa tre ore.

Dopo una mattinata all'insegna della natura, il pomeriggio nel borgo parlerà di musica e poesia. Alle 17,00, nella piazza arroccata di San Giovanni Evangelista, mentre lo sguardo si perde nel panorama mozzafiato, Giulia Rossi reciterà alcune delle poesie raccolte nella sua opera “Poesie d'aria” (edizioni Book Sprint). Sarà poi la bellissima voce di Katia Severi e la musica dei “Red Five Swing” ad accompagnarci verso il tramonto, quando l'acqua del lago si riempie di colori e viene sospinta in continuo movimento dalla brezza della sera.

La Domenica comincia, ovviamente, a contatto con la natura, proprio nella giornata nazionale del camminare che, quest'anno, coincide anche con “La Domenica nel Borgo” promossa dallAssociazione de “I Borghi più belli d’Italia”, di cui Castel di Tora fa appunto parte. Un'iniziativa sorta dalla volontà di valorizzare il grande patrimonio di storia, arte, cultura, ambiente e tradizioni presente nei piccoli centri italiani spesso lontani dai flussi turistici.

L'appuntamento è sempre a Largo Massimi alle ore 09,00 con le Guide, ma questa volta sarà possibile scegliere se camminare o avventurarsi in una ciclo-escursione. L'escursione a piedi percorrerà il tratto del “Cammino di San Benedetto” che da Pozzaglia conduce a Castel di Tora. Con un breve trasferimento in auto si raggiungerà Pozzaglia per incamminarsi tra faggete, pinete e praterie, ammirando i monti e le valli del territorio. Un escursione della durata di 4-5 ore che necessità di preparazione, scarponi e abbigliamento da trekking.

La ciclo-escursione, con possibilità di bike a noleggio, condurrà invece lungo le “Segrete del Lago”: 25 km da percorrere in circa 2 ore con illustrazione del percorso e adatta anche ai bambini.

Per chi invece deciderà di godersi il borgo, alle ore 11,00 i ragazzi delle scuole saranno “Ciceroni per un giorno”, accompagnando i visitatori alla scoperta di Castel di Tora. Nel centro storico “la via del gusto” racconterà, attraverso esposizioni e degustazioni, le tradizioni gastronomiche di un territorio ricchissimo dal punto di vista delle tipicità agro-alimentari. I visitatori potranno trovare quelle atmosfere, quegli odori e quei sapori che fanno diventare la tipicità un modello di vita che vale la pena gustare con tutti i sensi.

A chiudere la tre giorni sarà, alle 16 del pomeriggio, il gruppo teatrale “Jobel”, con uno spettacolo itinerante lungo le vie del borgo. La stessa compagnia che proprio quest'estate ha saputo meravigliare centinaia di persone accorse a Monte Antuni per uno spettacolo emozionante sul grande maestro Leonardo Da Vinci.

Il turismo lento rappresenta un vero e proprio motore di sviluppo dei territori, capace di promuovere le tipicità dei luoghi e di far acquisire un senso di identità alle realtà locali. Questo tipo di turismo si adatta benissimo alla bellezza di Castel di Tora, che va ben al di là delle mete “classiche” del turismo internazionale, ma si nasconde nei dettagli, negli angoli incontaminati di natura, nelle tradizioni e nella passione dei suoi abitanti.

Appuntamento dunque per il secondo weekend di ottobre alla scoperta di Castel di Tora e della Valle del Turano, anche solo per camminare, soffermarsi, ammirare, godere di uno spettacolo architettonico e paesaggistico di rara bellezza.

 

INFO & CONTATTI

Per informazioni e prenotazioni delle escursioni è possibile contattare:

  • 347 3360719 per Cornito e “Cammino di San Benedetto”, con prenotazione obbligatoria entro Venerdì 11 ottobre.
  • 328 3510186 per Monte Antuni.
  • 388 147 8870 per la ciclo-escursione lungo le “Segrete del Lago”.

Per ogni altra informazione sull'evento: 0765 716313 Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Ultimo aggiornamento Martedì 08 Ottobre 2019
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 Succ. > Fine >>

Pagina 2 di 4

Utilizziamo cookie tecnici e di terze parti per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Cliccando su Chiudi acconsenti all'uso dei cookie. Per approfondire o opporsi al consenso di tutti o di alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Accetto i cookies provenienti da questo sito.